Rassegna stampa > L’Espresso - 18 giugno 2013

L’Espresso

18 giugno 2013

guida_espresso[1]

Ci vuole coraggio e fede a Caltagirone per aprire, anzichè una banale pizzeria, un luogo dove tutto, dalle tovaglie al pane alla scelta dell’olio, è cercato e pensato.

Ma questi due giovani cuochi hanno le idee chiare: l’ispirazione la traggono da “Profumi di Sicilia” ricettario fondamentale della cucina dell’isola, e su quello fanno ricerca. I piatti sono ripensati e riassemblati senza scadere nell’artificio e, soprattutto, senza perdere di vista il vigore dei sapori. Delicato tortino di pesce spatola con zucchine alla brace, gambero rosso e crema di zucchine; potente il timballo di riso ripieno di acciughe; fresco il macco di fave con cicorielle, petto e coscia di quaglia panata alle erbe fini. Chiude l’originale granita al cioccolato con brioche calda.
Cantina di ampio respiro, non solo siciliana. Due menu da 55 e 85 euro, alla carta sui 50.

Scarica l’articolo

Share via email